Indice del forum Miodesopsie.it
Il portale sulle miodesopsie
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Ocriplasmina Vitreolisi Enzimatica
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vitreolisi enzimatica
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Dr.Bamonte



Registrato: 16/01/09 17:49
Messaggi: 52

MessaggioInviato: Ven 26 Ago, 2011 14:49    Oggetto: Ocriplasmina Vitreolisi Enzimatica Rispondi citando

E' stato appena presentato a Boston, al congresso della SOcietà Americana di Specialisti di Retina, il risultato a 6 mesi di uno studio sull'Ocriplasmina, una molecola in grado di agire enzimaticamente sul vitreo. Lo studio riguradava il trattamento di forme patologiche in cui il vitreo è molto aderente alla retina, con deformazione maculare e foro maculare nei casi più gravi.
A un mese dall'iniezione circa il 30% dei pz trattati ha presentato un distacco di vitreo, contro circa l'8% dei pazienti non trattati. La chiusura del foro maculare si è verificata nel 40% dei pazienti trattati contro il 10% dei non trattati.

Riporto questo sudio perchè so dell'interesse di molti utenti di questo forum per la vitreolisi enzimatica.
Da ricordare tuttavia che queste molecole non servono per liquefare il vitreo ma per staccarlo dalla retina.

Cordiali Saluti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
TEXWILLER72



Registrato: 30/07/09 09:44
Messaggi: 1729

MessaggioInviato: Ven 26 Ago, 2011 15:13    Oggetto: Rispondi citando

Grazie Dr. Bamonte per l'interessante segnalazione. Wink
_________________
T E X = [Moderatore]
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ronu



Registrato: 02/11/10 20:32
Messaggi: 282

MessaggioInviato: Ven 26 Ago, 2011 18:04    Oggetto: Rispondi citando

Dr., qui a http://oneclearvision.org/pharmacologic (dove io lavoro come volontario), si parla di la Ocriplasmina (con il suo nome non commerciale "microplasmina") come farmaco anche con azione liquefactante.

Questa informazione viene direttamente de Thrombogenics. Hanno loro detto adesso che non ha una azione liquefactante?, e sorprendente Shocked
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dr.Bamonte



Registrato: 16/01/09 17:49
Messaggi: 52

MessaggioInviato: Dom 28 Ago, 2011 16:50    Oggetto: Rispondi citando

Microplasmin
Classification: liquefactant, interfactant

Plasmin is an enzyme in blood responsible for dissolving blood plasma proteins, specifically, fibrin clots. Microplasmin is a truncated and stable form of this enzyme3. ThromboGenics is facilitating Microplasmin (aka Ocriplasmin) research4, 5. which will assess its ability to effect a posterior vitreous detachment. To date, clinical trials have been positive and Microplasmin has completed phase III trials for its application to relieve vitreomacular adhesion. It is unclear whether microplasmin will have any effect on 'floaters'. There is reason to be concerned that it might even increase 'floaters' although research subjects have not complained about this during clinical trials.


Perche' soprendente? Dice esattamente quanto da me riportato. L'ocriplasmina serve per staccare il vitreo non eliminare il floaters.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Ronu



Registrato: 02/11/10 20:32
Messaggi: 282

MessaggioInviato: Dom 28 Ago, 2011 22:12    Oggetto: Re: Ocriplasmina. Vitreolisi Enzimatica Rispondi citando

Dr.Bamonte ha scritto:

Da ricordare tuttavia che queste molecole non servono per liquefare il vitreo ma per staccarlo dalla retina.


Chiedevo perché la funzione liquefattante credo serve per liquefare il vitreo, ed era riportata da noi per la thrombogenics.

Su questa base, anche si e coretto che non e disegnata per dissolvere i floaters, aspettiamo che qualche effetto (positivo/negativo non si sa ancora) possa averlo.

Grazie Dr.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Pascotto



Registrato: 04/07/12 15:20
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Mer 04 Lug, 2012 15:27    Oggetto: Foro maculare: è in arrivo l'Ocriplasmina Rispondi citando

LEUVEN, Belgio, 3 luglio 2012  - La ThromboGenics NV, società biofarmaceutica focalizzata nello sviluppo di farmaci innovativi per uso oftalmico, ha annunciato oggi che la Food and Drug Administration (FDA) americana ha ufficialmente accettato il deposito della domanda di registrazione per l'approvazione dell'uso per iniezione intravitreale dell'ocriplasmina, per la quale ha anche stabilito la revisione prioritaria (Priority Review). L'indicazione proposta per l'iniezione intravitreale di ocriplasmina è per il trattamento dell'Adesione Vitreomaculare sintomatica (VMA), da cui deriva poi la formazione del foro maculare.

La FDA assegna la designazione di Priority Review a farmaci che possono offrire importanti progressi terapeutici, o fornire un trattamento per il quale non esiste una terapia adeguata. L'obiettivo della FDA, quando stabilisce per un farmaco la revisione prioritaria, è la decisione rapida sull'eventuale autorizzazione, che consenta la distribuzione e l'immissione in commercio nell'arco di sei mesi. Infatti, la FDA ha già programmato una riunione del comitato consultivo per il 26 luglio 2012 per discutere dell'ocriplasmina. L'incontro per l'autorizzazione sarebbe poi previsto per il 17 ottobre 2012.

Noi oculisti siamo particolarmente soddisfatti di questa notizia. Se l'ocriplasmina sarà autorizzata, molti nostri pazienti potranno beneficiare di questa nuova opportunità terapeutica.

Non ci sono novità, invece, sull'efficacia del farmaco nei confronti dei corpi mobili vitreali.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Mer 04 Lug, 2012 16:41    Oggetto: Rispondi citando

Nessuna azione diretta sui floaters, è vero dr. Pascotto. Ma se riescono a staccare il vitreo dalla retina ne possiamo dedurre che la vitrectomia diventi molto piu facile, efficace e meno pericolosa? e che quindi la reticenza ad eseguire le FOV diminuisca?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Pascotto



Registrato: 04/07/12 15:20
Messaggi: 6

MessaggioInviato: Ven 06 Lug, 2012 3:12    Oggetto: Rispondi citando

Sì, l'intervento di vitrectomia diventerebbe verosimilmente meno rischioso, ma andrebbe sempre affrontato con le opportune cautele.

È comunque un bel progresso! Wink
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ste85



Registrato: 11/06/09 19:10
Messaggi: 757

MessaggioInviato: Ven 06 Lug, 2012 10:52    Oggetto: Rispondi citando

Seppur affrontanta con le dovute cautele, in cosa consisterebbero nello specifico i miglioramenti di una FOV mediante tale iniezione? E quali rischi, invece, permarrebbero?
Un'ultima domanda: entro quanto sarà ipotizzabile trarre dei benefici dell'ocriplasmina per la vitrectomia?
Grazie mille
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Driver
Moderatore


Registrato: 06/07/12 15:52
Messaggi: 2773

MessaggioInviato: Dom 08 Lug, 2012 12:33    Oggetto: Rispondi citando

Ste85 ha scritto:
Seppur affrontanta con le dovute cautele, in cosa consisterebbero nello specifico i miglioramenti di una FOV mediante tale iniezione?

Il maggior rischio durante una vitrectomia (come ben sai) è il distacco retinico, per cui essendo spesso molto rischioso eseguire una vitrectomia totale si ripiega su di una vitrectomia parziale (con i noti inferiori risultati e probabili complicanze future).
Con la possibilità di liquefare il vitreo e di conseguenza causarne il distacco posteriore, ovvero il distacco dalla superficie retinica, praticamente tutte le vitrectomie diventerebbero totali (non essendo più presente il rischio maggiore) ottenendo ottimi risultati.

Citazione:
E quali rischi, invece, permarrebbero?

I rischi di un intervento che comunque resta invasivo, oltre ai rischi dati da una condotta postoperatoria non conforme ai consigli medici che il Paziente potrebbe seguire. Quindi possibili rischi di errore o di infezione postoperatori (seppur remoti ed ampiamente prevedibili).

PS: Nessun Medico può escludere qualsiasi complicanza a priori ma è chiaro che, una volta eliminato il rischio di distacco retinico, la vitrectomia diventerà un'operazione decisamente più sicura.
Il problema che resterà, invece, sarà quello della cataratta indotta che nei Pazienti non ancora presbiti è un altro forte deterrente.

Se riuscissero a trovare un sostituto del vitreo in grado di preservare l'integrità del cristallino il problema delle miodesopsie sarebbe risolto, dal momento che ci si potrebbe sottoporre ad una vitrectomia ormai assolutamente sicura, con l'introduzione di un "nuovo vitreo" in grado di prevenire il danno catarattoso.

Purtroppo non è chiaro ne' come ne' perchè il cristallino si danneggi in seguito all'asportazione del vitreo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 09 Lug, 2012 11:31    Oggetto: Rispondi citando

si parla sempre di togliere tutto il vitreo dalla retina e si trascura il fatto che è al momento meccanicamente impossibile togliere del tutto il vitreo dal cristallino. Ripeto è una questione meccanica, le cannule che vengono inserite nell'occhio non permettono una flessione tale da poter rimuovere del tutto il vitreo dal cristallino senza demolirlo. Infatti viene sempre lasciato un po di vitreo attorno al cristallino. Probabilmente l'ocriplasmina risolverà anche questo problema. Sulla causa della cataratta ci sono forti dubbi che dipenda dall'assenza del vitreo in sè. Probabilmente sono fenomeni legati a variazioni microclimatiche nel bulbo durante l'intervento. In ogni caso la cataratta sempre piu nei prossimi anni diventerà un problema risibile.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ste85



Registrato: 11/06/09 19:10
Messaggi: 757

MessaggioInviato: Lun 09 Lug, 2012 11:43    Oggetto: Rispondi citando

Grazie per le risposte.
Mi sembrava però di ricordare che, una volta asportato il vitreo, questo venisse sostituito con una sostanza altrettanto gelatinosa ed artificiale in grado di funzionare come surrogato.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Driver
Moderatore


Registrato: 06/07/12 15:52
Messaggi: 2773

MessaggioInviato: Lun 09 Lug, 2012 12:04    Oggetto: Rispondi citando

robemuna ha scritto:
si parla sempre di togliere tutto il vitreo dalla retina e si trascura il fatto che è al momento meccanicamente impossibile togliere del tutto il vitreo dal cristallino. Ripeto è una questione meccanica, le cannule che vengono inserite nell'occhio non permettono una flessione tale da poter rimuovere del tutto il vitreo dal cristallino senza demolirlo. Infatti viene sempre lasciato un po di vitreo attorno al cristallino. Probabilmente l'ocriplasmina risolverà anche questo problema. Sulla causa della cataratta ci sono forti dubbi che dipenda dall'assenza del vitreo in sè. Probabilmente sono fenomeni legati a variazioni microclimatiche nel bulbo durante l'intervento. In ogni caso la cataratta sempre piu nei prossimi anni diventerà un problema risibile.

Sono d'accordo con te, l'avvento della microplasmina non solo annullerà il rischio di distacco retinico, bensì permetterà di aspirare il 100% del vitreo, che ad oggi è effettivamente un'utopia (salvo rarissimi casi).

In merito al fatto che la cataratta sarà sempre più un problema risibile, oltre che all'assoluta sicurezza e facilità di esecuzione, ti riferisci anche alla produzione di IOL che abbiano le stesse caratteristiche di cristallini naturali?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Driver
Moderatore


Registrato: 06/07/12 15:52
Messaggi: 2773

MessaggioInviato: Lun 09 Lug, 2012 12:10    Oggetto: Rispondi citando

Ste85 ha scritto:
Grazie per le risposte.
Mi sembrava però di ricordare che, una volta asportato il vitreo, questo venisse sostituito con una sostanza altrettanto gelatinosa ed artificiale in grado di funzionare come surrogato.

Di niente figurati.

Si, viene sostiuito con una sostanza artificiale, che può essere ti tipo gassoso (che viene poi gradualmente sostituito dall'umor acqueo) o liquido (olio di silicone) che viene asportato dopo un po' di tempo (a seconda dei casi).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ste85



Registrato: 11/06/09 19:10
Messaggi: 757

MessaggioInviato: Lun 09 Lug, 2012 12:13    Oggetto: Rispondi citando

E questo non riesce a preservare l'integrità del cristallino in modo tale da scongiurare il rischio di cataratta?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vitreolisi enzimatica Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group