Indice del forum Miodesopsie.it
Il portale sulle miodesopsie
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Emorragia preretinica

 
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Il medico risponde
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Mavic



Registrato: 30/10/11 16:35
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Dom 30 Ott, 2011 17:09    Oggetto: Emorragia preretinica Rispondi citando

Salve, 2 settimane fa improvvisamente ho avuto una emorragia all'occhio destro.
Ho 41 anni, non ho altre patologie ma in occasione di questa "sventura" ho scoperto di avere una ipertensione di I° grado che potrebbe aver causato l'emorragia.
La diagnosi è stata "Emorragia preretinica interessante il polo posteriore; emovitreo" ed inoltre l'OCT ha evidenziato una "sacca a contenuto corpuscolato compresa tra la retina e la ialoide" che mi causa ovviamente una visione estremamente confusa e non poche difficoltà anche ad uscire di casa.
Attualmente mi è stato prescritto solamente Heparin collirio e di attendere il riassorbimento del sangue, facendo comunque periodiche visite di controllo.
Volevo sapere se la presenza di sangue nel vitreo possa essere naturalmente assorbita, anche senza altre terapie, che non so perche attualmente non mi sono state indicate, o se questa condizione debba essere alla fine necessariamente risolta con una vitrectomia, operazione che mi spaventa non poco visti gli effetti secondari a cui si può andare incontro.
Capisco che non si possa fare una diagnosi a distanza ma mi interessava sapere di norma questi episodi di emorragie come vengono di norma risolti.
Grazie.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
TEXWILLER72



Registrato: 30/07/09 09:44
Messaggi: 1729

MessaggioInviato: Lun 31 Ott, 2011 11:03    Oggetto: Rispondi citando

Vorrei poter rispondere ai tuoi quesiti, ma purtroppo non ne ho le competenze... Rolling Eyes Attendiamo fiduciosi il nostro ottimo Prof. SIRAVO per un chiarimento in proposito! Wink
_________________
T E X = [Moderatore]
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
maras88



Registrato: 26/06/11 21:47
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Mar 01 Nov, 2011 19:05    Oggetto: Rispondi citando

TEXWILLER72 ha scritto:
Vorrei poter rispondere ai tuoi quesiti, ma purtroppo non ne ho le competenze... Rolling Eyes Attendiamo fiduciosi il nostro ottimo Prof. SIRAVO per un chiarimento in proposito! Wink


Per esperienza diretta ed in attesa del parere del Professore ti confermo che l'emovitreo si riassorbe da sè. Il sangue per gravità tende a depositarsi sul fondo nell'ambito di un paio di mesi, sarà presente nell'occhio ma non interferirà con la visione.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mavic



Registrato: 30/10/11 16:35
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Mer 02 Nov, 2011 18:21    Oggetto: Rispondi citando

maras88 ha scritto:
Per esperienza diretta ed in attesa del parere del Professore ti confermo che l'emovitreo si riassorbe da sè. Il sangue per gravità tende a depositarsi sul fondo nell'ambito di un paio di mesi, sarà presente nell'occhio ma non interferirà con la visione.


Visto che ci sei passato prima di me volevo chiede se anche a te si era formata una specie di appannamento che impediva la visione o avevi solo sangue in sospensione visto che la cosa che mi preoccupa maggiormente è proprio la presenza di questa specie di liquido "sporco" che mi permette di distinguere solo la forma delle cose ma non di vedere chiaramente.

Grazie.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Elvino



Registrato: 19/08/05 15:42
Messaggi: 276
Località: Prov. di Vicenza

MessaggioInviato: Dom 06 Nov, 2011 13:51    Oggetto: Rispondi citando

maras88 ha scritto:
TEXWILLER72 ha scritto:
Vorrei poter rispondere ai tuoi quesiti, ma purtroppo non ne ho le competenze... Rolling Eyes Attendiamo fiduciosi il nostro ottimo Prof. SIRAVO per un chiarimento in proposito! Wink


Per esperienza diretta ed in attesa del parere del Professore ti confermo che l'emovitreo si riassorbe da sè. Il sangue per gravità tende a depositarsi sul fondo nell'ambito di un paio di mesi, sarà presente nell'occhio ma non interferirà con la visione.


Se ne hai 1 o max 2 si... ma se ne fai 3 / 4 / 5.... il vitreo è da buttare... ops da togliere...
_________________
Cool Elvino Turcato - Cronaca di una vita vissuta
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Indirizzo AIM
SIRAVO



Registrato: 03/02/11 12:22
Messaggi: 529

MessaggioInviato: Dom 13 Nov, 2011 9:51    Oggetto: Rispondi citando

l'emovitreo, è un' emorragia che partendo dalla retina o dal disco ottico invade lo spazio del vitreo (un gel che riempie la maggior parte dell'occhio), è una causa frequente di grave calo della vista. Infatti il sangue fuoriuscito non permette alla luce di arrivare alla retina.
L'emovitreo può anche riassorbirsi da solo, almeno in parte, se l'emorragia è di lieve entità. Sono i casi più fortunati, con un discreto recupero della funzionalità visiva.
Se l'emovitreo non si riassorbe od è di grave entità l'unica alternativa è la sua asportazione mediante un intervento chirurgico chiamato vitrectomia
Eziologia:
• Retinopatia diabetica (storia di diabete e retinopatia diabetica di solito nell'occhio controlaterale).
• Rottura retinica (Comunemente superiore nell'emovitreo denso. Diagnosi ecografia e depressione sclerale).
• Distacco di retina (diagnosi: se la retina non puo essere esplorata con l'oftalmoscopia eseguire ecografia).
• Occlusione venosa retinica (generalmente di branca). (soprattutto in anziani ipertesi e con anamnesi di occlusione venosa o improvvisa perdita visiva da mesi o anni).
• Distacco posteriore vitreo (mezza età o anziani che notano opacità fluttuanti e flashes luminosi).
• DMS (anziani con scarso visus precedente all'emorragia per la degenerazione maculare senile. Nell'altro occhio: drusen maculari e/o altri reperti di DMS).
• Malattia falciforme. Sardi, siciliani, afroamericani. Può esservi neovascolarizzazione della retina periferica nell'occhio controlaterale, tipicamente in una configurazione "seafans".
• Trauma.
• Tumore intraoculare (oftalmoscopia o ecografia).
• Emorragia subaracnoidea o subdurale (Sindrome di Terson) (frequenti emorragie bilaterali preretiniche o del vitreo. Generalmente i reperti del fondo sono preceduti da una grave cefalea. Talvolta coma).
Malattia di Eales (uomini di 20-30 anni, con ischemia retinica periferica e vascolarizzazione dall'eziologia
sconosciuta. Il segno di presentazione è frequentemente una diminuzione del visus per l'emorragia vitreale spesso bilaterale ed è una diagnosi da esclusione).
• Altri (malattia di Coats, retinopatia da prematurità, angiomi capillari retinici della Sindrome di Von Hippel-Lindau, anastomosi vascolare prepapillare congenita, ipertensione, retinopatia da radiazioni, emorragia del segmento anteriore in seguito a IOL, altro).
. Infanzia: retinoschisi, maltrattamenti (shaken baby), trauma da parto.
NEL SUO CASO E' COMPATIBILE CON LA RETINOPATIA IPERTENSIVA!
L'Emorragia vitreale
Sanguinamento nel vitreo da parte di vasi sanguigni della retina dopo un trauma oculare contusivo, da perdita di sangue da parte di neovasi anomali anche dopo una trobosi retinica venosa retinopatia diabetica proliferante o membrana neovascolare o per la rottura di un macroaneurisma, distacco di vitreo o rottura retinica, può essere iatrogeno.
L'accumulo in camera vitrea di sangue è spesso il risultato di una grave anomalia vascolare (diabete, occlusioni vasali, neovascolarizzazioni) o post-traumatica; esso impedisce il passaggio dei raggi luminosi abolendo per ostacolo la visione.
In rari casi il riassorbimento del sangue avviene spontaneamente, ma nei casi in cui una patologia di fondo né alimenti la fuoriuscita, si deve ricorrere all'intervento chirurgico di vitrectomia che all'Oftalma viene eseguito spesso ambulatoriamente.
Sintomi
Improvvisa riduzione della vista senza dolore o improvvisa apparizione di macchie scure anche dopo l'apparizione di fotopsie "flash luminosi".
Segni critici
Grave emorragia nel vitreo, riflesso rosso del fondo assente tale da rendere impossibile l'oftalmoscopia.
Talvolta si apprezzano globuli rossi con la LAF posteriormente al cristallino. In un emovitreo lieve si osserva sangue che oscura parte della retina e dei vasi retinici.
L'emovitreo cronico ha un colore giallo-ocra (emoglobina).
Altri segni
Difetto pupillare afferente lieve (min.). A seconda dell'eziologia altre anomalie del fondo.
Eziologia
Retinopatia diabetica (storia di diabete e retinopatia diabetica di solito nell'occhio controlaterale). Rottura retinica (Comunemente superiore nell'emovitreo denso. Diagnosi ecografia e depressione sclerale).
Distacco di retina (diagnosi: se la retina non puo essere esplorata con l'oftalmoscopia eseguire ecografia).
Occlusione venosa retinica (generalmente di branca). (soprattutto in anziani ipertesi e con anamnesi di occlusione venosa o improvvisa perdita visiva da mesi o anni).
Distacco posteriore vitreo (mezza età o anziani che notano opacità fluttuanti e flashes luminosi).
DMS (anziani con scarso visus precedente all'emorragia per la degenerazione maculare senile.
Nell'altro occhio: drusen maculari e/o altri reperti di DMS).
Malattia falciforme. Sardi, siciliani, afroamericani. Può esservi neovascolarizzazione della retina periferica nell'occhio controlaterale, tipicamente in una configurazione "seafans".
Trauma.
Tumore intraoculare (oftalmoscopia o ecografia).
Emorragia subaracnoidea o subdurale (Sindrome di Terson) (frequenti emorragie bilaterali preretiniche o del vitreo. Generalmente i reperti del fondo sono preceduti da una grave cefalea).
Malattia di Eales (uomini di 20-30 anni, con ischemia retinica periferica e vascolarizzazione dall'eziologia sconosciuta. Il segno di presentazione è frequentemente una diminuzione del visus per l'emorragia vitreale spesso bilaterale ed è una diagnosi da esclusione).
Altri (malattia di Coats, retinopatia da prematurità, angiomi capillari retinici della Sindrome di Von Hippel-Lindau, anastomosi vascolare prepapillare congenita, ipertensione, retinopatia da radiazioni, emorragia del segmento anteriore in seguito a IOL, altro).
Infanzia: retinoschisi, maltrattamenti (shaken baby), trauma da parto.
Diagnosi differenziale
Vitreite (presenza di cellule infiammatorie nel vitreo). Inizio meno improvviso può avere anche uveite anteriore e posteriore.
Non vi sono né globuli rossi né emorragia nel vitreo.
Distacco di retina (Può presentarsi senza alcuna emorragia i sintomi possono essere identici.
La esplorazione del fondo può essere difficottosa in un distacco molto sollevato.
Work-up
Anamnesi: qualche malattia oculare o sistemica menzionata in precedenza? Trauma?
Esame oculare completo, incluso esame in LAF per ricercare:vascolarizzazione dell'iride, misurare la IOP ed esame in midriasi di entrambi gli occhi con oftalmoscopio diretto.
In casi di emorragia spontanea del vitreoale se si può esplorare la retina eseguiamo oftalmoscopia con indentazione 3-4 settimane dopo il trauma.
Quando non si può osservare la retina, si esegue un esame ecografico B.scan per controllare un distacco di retina associato emovitreo. La lacerazione di lembo retinico può essere riscontrata con la depressione sclerale.
Per l'eziologia può essere d'aiuto la fluorangiografia l cui qualità dipende dalla densità dell'emorragia.
Trattamento
Se l'eziologia non è conosciuta e non si escludono rotture retiniche c/o distacco di retina, (non si ha storia delle malattie precedentemente menzionate, occhio controlaterale normale, ed emorragia vitreale totale), ricovero in ospedale o controlli frequenti.
Riposo a letto con la testa sollevata (e talvolta occlusioni bilaterali) per 2-3 giorni (ridurre sanguinamenti riccorenti permettendo al sangue di stabilizzarsi inferiormente per osservare la periferia superiore, sede frequente per rotture retiniche).
Eliminare aspirina, medicinali antinfiammatori non steroidei ed anticoagulanti non indispensabili.
Eziologia di base trattata il più presto possibile (rotture retiniche vengono trattate con crioterapia o fotocoagulazione laser, le retine distaccate vengono riparate, e malattie retiniche vascolari proliferanti vengono trattate con la fotocoagulazione laser o crioterapia).
La vitrectomia viene generalmente attuata per:
Emorragia del vitreo accompagnata da distacco di retina. Emorragia cronica del vitreo (dura da più di 6 mesi). Emovitreo con neovascolarizzazione dell'iride. Glaucoma emolitico.
Nota per i diabetici: con emovitreo si esegue la vitrectomia anche in assenza di distacco di retina.

Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso. Non puoi inserire, rispondere o modificare i Topics   Topic chiuso    Indice del forum -> Il medico risponde Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group