Indice del forum Miodesopsie.it
Il portale sulle miodesopsie
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Due distacchi di retina / vitrectomia - la mia esperienza
Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vitrectomia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 11:19    Oggetto: Due distacchi di retina / vitrectomia - la mia esperienza Rispondi citando

Volevo dare la mia testimonianza, in quanto credo che la personale esperienza possa dare un importante metro di misurazione a persone che stanno attraversando la stessa cosa o che la attraverseranno nel futuro. Dico questo per esperienza diretta in quanto i medici che mi hanno operato sono stati molto tirchi di spiegazioni, cosa che mi ha procurato stress aggiuntivo di cui avrei volentieri fatto a meno. Ho trovato questo sito e ringrazio per le informazioni fornite da alcuni membri.

La mia vita e’ stata costellata da distacchi di retina causati da miopia forte. La prima successa quando avevo 26 anni ('solo' circa 4-5 diottrie in meno), la seconda quest’anno a 39 su un occhio con una correzione di 7.5.

Il primo intervento e’ stato distacco di retina e retinoschisi, il distacco era molto visible per me nella parte alta per circa 1 terzo, operato con cerchiaggio e olio di silicone e successive sostituzione dell’olio con l’acqua.

Per anni ho considerato quello “l’occhio marcio’ in quanto con correzione non riuscivo a vedere piu’ di 8/10 con varie distorsioni e dopo 12 anni ho sviluppato la cararatta che ha abbassato il visus a 3-4/10 (con una correzione di 9.5). Lasciando perdere questa situazione che ha la sua problematica (la cataratta e la scelta della IOL giusta, dal momento che come tutti ho bisogno di leggere al computer e psicologicamente non posso accettare di perdere la vista da vicino), la vitrettomia mi e’ stata fatta all’altro occhio, quello che ha avuto una rottura a ferro di cavallo e un distacco periferico (tutt’attorno a quanto ho capito).

Sono stata operata d’urgenza in un ospedale della prov di milano e trattata con la bolla di gas, non ho mai capito se questo distacco era piu’ o meno grave dell’altro (se qualcuno vuole commentare lo faccia pure) e mi illudevo di tornare ad una capacita’ visiva accettabile. Purtroppo a distanza di 3 mesi con la bolla riassorbita ci vedo molto male. Da varie ricerche che ho fatto personalmente sono arrivata alla conclusion che l’operazione (non so se per negligenza o casualmente) mi ha ‘schiacciato’ la cornea in qualche modo creando delle distorsioni che prima non avevo. Lasciando perdere la percezione del contrasto (peggiorata) e della luminosita’ (peggiorata) mi sono rimaste due aree in alto e in basso dove ho una distorsione (dove e’ stato fatto il laser pesante durante l’operazione) che tutto considerato non e’ la peggiore delle cose considerato gli altri problemi che ho.

Quello che mi succede da vicino presumo sia una aberrazione di tipo astigmatico in quanto ho problemi coi contorni delle lettere e delle forme fin da vicinissimo (1-2 cm) che si stabilizzano parzialmente a una distanza fissa (5-6 cm) per poi tornare per il resto del medio raggio e lungo raggio. Prima con 7.5 di miopia vedevo sfocato da lontano ma mai ‘doppie’ come invece le vedo ora. Adesso vedo scritte 'sbavate' verso il basso e da lontano diventano doppie.

Inizialmente non mi spiegavo questa cosa e i miei medici l’hanno bollata come presbiopia (la presbiopia piu’ veloce del west, dal momento che mi e’ venuta in 3 ore, le 3 ore dell’intervento e l’altro occhio operato e con cataratta non presenta presbiopia a nessun livello) e non hanno considerato altre spiegazioni.

Sono anche in una situazione lavorativa abbastanza precaria, che non mi permette di assentarmi come vorrei per farmi visitare (da Arca a novembre e in un’altra clinica a dicembre) quindi mi ci e’ voluto molto tempo per realizzare che tipo di problema avevo.

Un altro effetto collaterale fastidioso dell’operazione e’ la dilatazione della pupilla. Inizialmente credevo fosse quello la causa dei miei problem visivi, ma anche dopo aver usato la Pirocaprina una volta finito l'effetto, lo stato della dilatazione e’ sempre evidente (pur in paragone con l’altro occhio che ha avuto i suoi anni di dilatazione). Ovviamente in miosi, si ha l’impressione di vederci meglio in condizioni di media luminosita’ ma e’ solo una sensazione temporanea che svanisce dopo qualche ora, Inoltre la Pirocarpina (forse) mi causa minuti di sfocamento che capitano casualmente nell’arco della giornata quando la pupilla e’ piccola, sia quando e’ media. Non posso permettermi al lavoro di avere intere mezz'ore di blackout, dove vedo sfocato a tutte le distanze, soprattutto leggendo il pc.

Quello che e’ certo e’ che entrambe le operazioni mi hanno causato una atrofia a entrambi gli occhi per quanto riguarda i muscoli dell’iride. Non posso affermarlo con certezza ma una certa midriasi all’occhio operato nel 2000 l’ho cominciata a vedere solo dopo qualche anno ed e’ minore di quella di una persona ‘normale’, la pupilla si restringe ma lentamente. Ricordo che anni dopo l'intervento non avevo bisogno di atropina per dilatare la pupilla. L’occhio operato di recente, ha pochissimo movimento a livello dell’iride. Sempre i suddetti medici mi hanno detto che poteva essere uno shock dato dal gas (Vero? Falso? Non so). Forse ci vorranno altri 5-6 anni per tornare alla 'normalita''.

Ho deciso di lavorare senza lenti a contatto per poter vedere il monitor e di indossarle solo quando ho bisogno di viaggiare in posti che non conosco, dove ho necessita’ di vedere a piu’ di 10 metri. Ho un appuntamento con un ottico per sapere se e’ possible correggere qualche cosa e farmi vedere se non vicino e lontano almeno vicinissimo (computer) e media distanza (1 metro).

Altro capitolo sara’ la scelta della iol per cercare di salvare l’occhio in cataratta (che ha piccole miodesopsie ma capite che con tutti i problemi che ho sono il meno).

Leggo con interesse le testimonianze delle persone sotto i 40 che hanno questi problemi e condivido il vostro dolore, molto spesso (specialmente all’estero dove vivo) tra colleghi di lavoro, non avendo idea che grossi problemi alla vista possono capitare anche a persone giovani, si subisce discriminazione e derisioni. Una persona particolarmente ignorante mi ha detto che e’ impossibile avere la cataratta a 40 anni perche’ e’ una malattia da vecchi (la mia cataratta e’ visibile ad occhio nudo). Tutto questo e’ molto frustrante e aggiunge solitudine a situazioni gia’ di per se poco felici.

Se qualcuno vuole consigliarmi o commentare quanto scritto lo gradisco. Non ho i dettagli delle mie operazioni (cartelle cliniche) sottomano, ma volo a casa tra 2 settimane e li posso recuperare.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 12:30    Oggetto: Rispondi citando

Ciao che dirti non è un bel quadro il tuo. Commentare da parte nostra è difficile quando a quel che sembra neppure gli specialisti hanno idee chiare.
Uno cosa però non condivido: la tua apprensione per l'operazione di cataratta. Con un visus su quell'occhio calato in quel modo si deve fare. Poi sula scelta della iol al momento punterei sulla monofocale per vedere di correggere quanto possibile ogni difetto refrattivo. Onestamente nella tua situazione scrivere "non posso accettare di non vedere bene da vicino" fa un po sorridere...perdonami ma sono franco, io del dover mettere gli occhiali per lavorare al pc, nel quadro che descrivi, me ne infischierei alla grande.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 12:56    Oggetto: Rispondi citando

robemuna ha scritto:
Ciao che dirti non è un bel quadro il tuo. Commentare da parte nostra è difficile quando a quel che sembra neppure gli specialisti hanno idee chiare.
Uno cosa però non condivido: la tua apprensione per l'operazione di cataratta. Con un visus su quell'occhio calato in quel modo si deve fare. Poi sula scelta della iol al momento punterei sulla monofocale per vedere di correggere quanto possibile ogni difetto refrattivo. Onestamente nella tua situazione scrivere "non posso accettare di non vedere bene da vicino" fa un po sorridere...perdonami ma sono franco, io del dover mettere gli occhiali per lavorare al pc, nel quadro che descrivi, me ne infischierei alla grande.

Non si tratta solo della miopia, a entrambi gli occhi c'e' anche una certa quantità di astigmatismo, credo 0.8 ma non ne sono sicura. Cerchero' di valutare le IOL premium, almeno le toriche, se non le multifocali o le accomodative.

La mia non accettazione di non vedere piu' da vicino a 39 anni deriva dal fatto che da quando avevo 26 anni convivo con queste problematiche e mi ricordo ancora quando avvenne nel 2000 in contemporanea con altri eventi negativi nella mia vita familiare come mi sono sentita, esattamente come questo ultimo distacco di retina avvenuto a 1 anno dalla morte di mia madre mentre mi trovo in una situazione lavorativa e personale non stabile. Credo che il tutto vada considerato nel quadro generale della vita vissuta dalla singola persona e qualora le risorse economiche ci siano, vada fatta la scelta piu' adatta che non e' sempre quella piu' ovvia.

Non nego che l'atteggiamento dei medici 'della mutua' che mi hanno trattato per entrambi i casi mi ha direzionato in questo modo, avevo infatto prenotato la cataratta classica nella stessa struttura pubblica a dicembre ma ho cambiato idea.

Credo che un medico della ASL, dovrebbe in coscenza consigliare un paziente per il meglio anche quando cio' significa fare operare privatamente da un altro medico, credo anche che debba essere competente e conoscere anche le tecnologie piu' avanzate che lui personalmente non usa e valutare persona per persona, basandosi sull'eta' e le aspettative di vita. Invece sono stata trattata come tutte le altre che curano, anziane, a casa, con il marito e con la pensione che si deve 'accontentare'.

Non sono neanche stati in grado di darmi spiegazioni e soluzioni per la pupilla dilatata, nel 2000 ho lasciato perdere, ma questa volta voglio andare a fondo. Nel mio modesto lavoro, non posso essere cosi incompetente, verrei mandata a casa immediatamente. Se questo vuol dire andare 'privatamente', valutare soluzioni migliori (e quindi costose) e dare i miei soldi ad un altro, non ho problemi a farlo.

Non pretendo la perfezione, ma e' tutta la vita che prendo sberle e mi 'accontento'. Non ti nascondo che ho parecchia rabbia dentro.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ale80



Registrato: 10/05/13 20:27
Messaggi: 414

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 13:03    Oggetto: Rispondi citando

E' tutto condivisibile.

Tuttavia, anche io ti consiglio la iol monofocale. Non per una questione economica, perché questo è quello che passa la mutua. Ma perché le multifocali danno spesso aberrazioni e non credo che nel tuo quadro siano molto indicate, visto che hai già distorsioni. Le accomodative poi non funzionano ancora decentemente.

Se sei di Milano io ti consiglio di farti visitare dal dott. Lovisolo. Io sono andato da lui una volta - per un'esame del fondo senza midriasi - e mi ha fatto buona impressione. Credo sia specializzato proprio sulla cataratta. Prova a vedere il suo sito.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 13:25    Oggetto: Rispondi citando

ale80 ha scritto:
E' tutto condivisibile.

Tuttavia, anche io ti consiglio la iol monofocale. Non per una questione economica, perché questo è quello che passa la mutua. Ma perché le multifocali danno spesso aberrazioni e non credo che nel tuo quadro siano molto indicate, visto che hai già distorsioni. Le accomodative poi non funzionano ancora decentemente.

Se sei di Milano io ti consiglio di farti visitare dal dott. Lovisolo. Io sono andato da lui una volta - per un'esame del fondo senza midriasi - e mi ha fatto buona impressione. Credo sia specializzato proprio sulla cataratta. Prova a vedere il suo sito.


quoto tutto (le multifocali ancora non sono perfette e possono aggiungere problemi a quelli che già hai), anche il consiglio sul medico se sei a Milano (anche Paolo Vinciguerra però è eccellente). Se invece sei a roma o più vicino a Roma Bamonte oltre ad essere un eccellente vitteoretinico (e nella valutazione del tuo status non guasta) è anche molto bravo nella cataratta (come emerge dal suo blog). Oltre ad essere umanamente un validissimo uomo-medico.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 14:06    Oggetto: Rispondi citando

Le aberrazioni sono all'occhio che non ha ancora la cataratta, e non so che natura abbiano, se sono semplice aumento di astigmatismo o qualche altra cosa che puo' essere migliorato in altro modo.

Spero che chi mi visita (sono a Milano) mi potra' anche dare una idea magari con simulazione di come si vede con una multifocale. Ho visto dei video americani su youtube, i difetti che elencano sono la visione di aloni di luce di notte in fase di guida... mi viene da sorridere, io non guido e non guidero' mai, ma se credi che con la mia vista attuale con una dilatazione della pupilla semi-permanente io ci veda bene di notte... e' da anni che mi sono abituata a una vista mediocre di notte. Sono passati troppi anni da quando ci 'vedevo' bene e francamente non mi ricordo come si vedeva prima dei distacchi di retina.

Mi rendo conto che i video che ho visto erano delle case produttrici, ma gli esempi degli effetti negativi (se limitati a quelli che ho visto) per me erano sopportabili. Per me potere leggere l'elenco del telefono senza lenti (come posso fare ora) e' piu' importante, la vista a distanza non mi interessa, posso anche portare le lenti a contatto per il resto della mia vita, sono miope da quando avevo 16 anni, non mi comporterebbe nessuna differenza. Per quello che c'e' da vedere a distanza (il mondo intorno a me mi disgusta) posso andare avanti a correggere.

Non avere la possibilita' di leggere sul computer di sera o sul cellulare senza correzione per me sarebbe la morte.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 14:20    Oggetto: Rispondi citando

GlobalEyes ha scritto:
Non avere la possibilita' di leggere sul computer di sera o sul cellulare senza correzione per me sarebbe la morte senza correzione per me sarebbe la morte.

Con questa frase sancisci un principio fondamentale dell'umanità..tutto è altamente soggettivo. Per me sarebbe una cosa da nulla che baratterei subito con le mosche.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Giorgio
Amministratore


Registrato: 11/08/05 08:09
Messaggi: 2076

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 15:11    Oggetto: Rispondi citando

Ciao GlobalEyes,
forse ho capito male io o forse non è bene spiegato, ma dal tuo primo post sembrerebbe che la prima operazione sia stata un cerchiaggio per distacco di retina e la seconda una vitrectomia con laser.
In realtà, sopratutto per per chiarezza verso chi legge, voglio specificare che la vitrectomia è stata fatta in entrambi i casi perchè altrimenti l'olio di silicone non potevano mettertelo.

Per quanto riguarda il resto, io lo schiacciamento della cornea non l'ho mai sentito, mentre che dopo un pesante intervento su un distacco la buona visione richieda anche più di tre mesi l'ho già sentito.

Poi ovviamente dipende da quanto in fretta sono riusciti ad intervenire sul distacco, da quanto bene hanno pouto ridistendere la retina, da quanto vicini alla macula sono le cicatrici che ne sono risultate, da quanto edema c'è ancora sotto la retina stessa.
Condivido poi il consiglio di lasciar stare le multifocali. Se ti danno l'ok per l'intervento, fatti fare la sostituzione del cristallino e decidi tu: se vuoi portare gli occhiali per vedere da lontano fatti sotto-correggere, se vuoi portare gli occhiali per vedere da vicino fatti correggere del tutto. Ogni via intermedia è possibile, parlane col chirurgo.
Dove fare poi l'intervento non dipende tanto dalla qualità richiesta: mutua o non mutua incide più sul tempo di attesa che sulla qualità, perchè spesso sono sempre gli stessi chirughi che operano sia come struttura pubblica che privata.

Giorgio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 15:19    Oggetto: Rispondi citando

robemuna ha scritto:
con questa frase sancisci un principio fondamentale dell'umanità..tutto è altamente soggettivo. Per me sarebbe una cosa da nulla che baratterei subito con le mosche.

Se la cosa ti puo' interessare sempre dalla mia personale esperienza.

Non ho mai avuto floaters fino ad ora. L'occhio operato nel 2000 con il cerchiaggio e l'olio di silicone (quindi credo che il vitreo e' ancora il mio), per parecchi anni non li ha avuti, ma ora che sono costretta ad usarlo in parziale sostituzione dell'altro per le distanze molto ravvicinate mi sono accorta dei floaters. Non so quando sono comparsi esattamente (potrebbe essere 1 anno o 5 anni) ma sono piccoli, tipo plancton, forse me li ritrovero' piu' nitidi quando faro' la cataratta. Ma nel complesso non e' il problema piu' grosso.

L'altro occhio invece, che ha avuto la vitrettomia, non avevo floaters prima (mi sono venuti quando si e' rotta la retina, perche' il vitreo e' trapassato dove non doveva) ma ora ho comunque una sensazione di "acquosita'". Di nuovo, non so se e' troppo presto per valutare e se ho rimasugli del post-gas. A volte e' l'acquosita' che mi rende difficoltosa la vista di vicino (e il contrasto e la luminosita'). Considera che prima vedevo 10/10 perfettamente con correzione. Io ho gia' avuto il distacco di retina, il peggio e' passato ma se avessi solo i floaters (non come sintomo di rottura) mi considererei molto fortunata.

La vitrettomia non risolve i problemi al 100% ma ne crea altri.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 15:19    Oggetto: Rispondi citando

Andro' da lovisolo tra 2 settimane
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Giorgio
Amministratore


Registrato: 11/08/05 08:09
Messaggi: 2076

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 15:46    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
La vitrettomia non risolve i problemi al 100% ma ne crea altri.

Perdona ma è come se imputassi al chirurgo che ti ha operato la mano, che è finita nel tritacarne, il fatto che non riesci più a muoverla bene.
E perdona pure se insito ancora, ma un distacco di retina (non una lacerazione!) non può essere risolta senza una vitrectomia sopratutto se ti hanno messo l'olio di silicone che serve a mantenere in posizione la retina appena distesa e che per far questo non ha nè lo spazio nè la possibilità se lì c'è ancora il vitreo.
Due palle non me le gioco ma una sì: sia nel primo che nel secondo intervento hai avuto la vitrectomia. Come poi siano andate le cose dipende dalle condizioni della retina e dalla riuscita dell'operazione.

Giorgio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 15:51    Oggetto: Rispondi citando

Comunque un concetto deve essere ben chiaro. Se hai un distacco di retina è molto, molto, molto difficile che si possa riacquistare il visus originale al 100% . Anche se tutto va bene. Finora ne ho lette tante di testimonianze di gente operata ma nessuno ha ripreso il visus al 100%.
Tanto vale quindi farsene una ragione e ripartire dai nuovi presupposti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GlobalEyes



Registrato: 04/10/13 14:48
Messaggi: 73

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 16:04    Oggetto: Rispondi citando

giorgio ha scritto:
Citazione:
La vitrettomia non risolve i problemi al 100% ma ne crea altri.

Perdona ma è come se imputassi al chirurgo che ti ha operato la mano, che è finita nel tritacarne, il fatto che non riesci più a muoverla bene.
E perdona pure se insito ancora, ma un distacco di retina (non una lacerazione!) non può essere risolta senza una vitrectomia sopratutto se ti hanno messo l'olio di silicone che serve a mantenere in posizione la retina appena distesa e che per far questo non ha nè lo spazio nè la possibilità se lì c'è ancora il vitreo.
Due palle non me le gioco ma una sì: sia nel primo che nel secondo intervento hai avuto la vitrectomia. Come poi siano andate le cose dipende dalle condizioni della retina e dalla riuscita dell'operazione.

Giorgio

Beh a maggior ragione ti sto dando la prova che a distanza di qualche tempo le mosche volanti (anche se poche e piccole) possono tornare anche ad un occhio che ha subito vitrectomia.

Io le ho per ora non ci bado in quanto l'occhio ci vedeva 8/10 prima e ora con cataratta 3-4/10, ma una persona con occhio perfettanente sano che si fa una vitreottomia per risolvere le miodesopsie puo' aspettarsi di rivedersi le sue mosche bianche dopo qualche anno.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robemuna



Registrato: 06/04/10 14:41
Messaggi: 2402

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 16:10    Oggetto: Rispondi citando

GlobalEyes ha scritto:
ma una persona con occhio perfettanente sano che si fa una vitreottomia per risolvere le miodesopsie puo' aspettarsi di rivedersi le sue mosche bianche dopo qualche anno.

Anche questo non è vero del tutto..se fai una vitrectomia totale con shaving profondo le mosche spariscono per sempre. Il fatto è che un conto è fare una fov, ovvero una vitrectomia al solo scopo di tiogliere le mosche, in un occhio sano, ed un conto è fare una vitrectomia in un occhio che ha un distacco di retina in corso per cui l'obiettivo del chirurgo è aprirsi la strada verso la retina e non sta certo a guardare se il peeling è profondo, se è totale o parziale o semiparziale ecc ecc. Gli obiettivi sono diversi...e quindi diverso è il risultato finale dal punto di vista dei floaters.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ale80



Registrato: 10/05/13 20:27
Messaggi: 414

MessaggioInviato: Lun 07 Ott, 2013 17:20    Oggetto: Rispondi citando

In ogni caso, ti conviene parlare con un buon chirurgo. Se hai subito intervento di vitrectomia anche al secondo occhio - anche io concordo: l'olio di silicone non si mette per un cerchiaggio - prima o poi ti verrà la cataratta anche a quello. Quindi meglio valutare l'intervento partendo da questo presupposto. Anche per la taratura della iol - vicino o lontano - devi parlarne con il chirurgo. Lovisolo per me è competente. Tuttavia, devi spiegare bene la tua situazione alla visita (ad es. meglio verificare se hai subito una vitrectomia anche al primo occhio!). Porta la documentazione che hai su interventi e controlli post-op, così Lovisolo può valutare in prima persona.

Per i floater, è probabile che sia come dice robemuna. In questo caso andrebbe valutato quanto vitreo ti hanno lasciato nell'occhio (senza contare quanto sono stati attenti ad aspirare bene quello che ti hanno tolto).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vitrectomia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 1 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group